Tu sei qui

Partecipazione al Pi-Greco day 2019 della De Gasperi

Contenuto in: 

Senza il Pi Greco, il numero - che esprime il rapporto tra la circonferenza di un cerchio e il suo diametro e che entra negli ambiti più disparati della nostra esistenza, dall’aerodinamica alla statistica fino alla musica, i conti non tornano.

Poiché però, nonostante la sua storia millenaria, continua a essere il protagonista silenzioso della nostra vita quotidiana, viene celebrato con tante iniziative in tutto il mondo il 14 marzo, in coincidenza con il compleanno di Albert Einstein. Una data non scelta a caso: nei Paesi anglosassoni, dove si antepone il mese al giorno, viene scritta proprio come “3,14” (ossia le prime tre cifre del Pi Greco). Il Pi Greco Day vuole essere soprattutto l'occasione per avvicinare le ragazze e i ragazzi alla matematica. La prima celebrazione si è tenuta nel 1988 a San Francisco, per iniziativa del fisico statunitense Larry Shaw, e nel corso degli anni il 14 marzo è diventato un appuntamento sempre più sentito, anche al di fuori della comunità scientifica.

Trasmettere questa passione ai giovani è proprio l'obiettivo delle iniziative che si sono svolte mercoledì 14 marzo.

In realtà, già dai primi di marzo, sono state centinaia le scuole che, organizzate in team, si sono messe in gioco on line risolvendo quesiti matematici di diversi livelli di difficoltà sulla piattaforma di didattica della matematica e delle scienze Redooc, che ha istituito, in collaborazione con il MIUR,  una sfida a chi, fra i team iscritti in piattaforma, avesse accumulato maggiore punteggio durante tutta la giornata del 14 marzo.

La scuola secondaria di primo grado “De Gasperi” ha partecipato all’iniziativa con un team: “Alcide 19”, formato in modo eterogeneo, da studenti appartenenti a classi diverse. I docenti del dipartimento di Matematica hanno cercato di coinvolgere soprattutto gli studenti delle classi ad indirizzo digitale, ma l’iniziativa, sia pure facoltativa,  è stata allargata  a tutti.

L’esperienza ha entusiasmato i ragazzi che si sono lasciati coinvolgere e si sono esercitati, durante tutta la giornata del 14 marzo, nell’ambiente Redooc, accumulando punteggio utile per la competizione con gli altri team.

Il team costituito,  risultava inserito, alla fine della giornata, in posizione 222 con  un punteggio di 20723 punti: posizione rispettabilissima, considerando che il numero dei team in gara è risultato essere di 2235.

E’ stato soprattutto molto importante aver dato ai nostri studenti la possibilità di confrontarsi con gli altri, favorendo lo spirito collaborativo. La spinta a impegnarsi, infine,  sia nel confronto con gli altri team, che con i componenti del proprio team di appartenenza, si è delineata, in maniera certamente costruttiva:  più come “emulazione” che come “competizione” con gli altri concorrenti.

Durante tutto il mese di marzo è stato possibile  continuare a gareggiare, accumulando punteggi, in ambiente Redooc nell’ambito dell’iniziativa del Marzo Steam, in cui era inserita la gara del ” p .day 2019”.”Per i nostri ragazzi – come sostiene il dirigente scolastico prof Catalano - mettersi in gioco e accorgersi che con i loro strumenti sono capaci di arrivare alla soluzione è una sfida entusiasmante, perché la matematica è spesso più semplice di come la disegnano”

Sito a cura dell'insegnante Raffaela Evangelista sul modello realizzato e distribuito da Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici, nell'ambito del Progetto "Un CMS per la scuola" - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.